Comunicati stampa

Il CDA di EXOR approva i risultati del 1° trimestre 201613 maggio 2016

 

(...)

 

Il Consiglio di Amministrazione di EXOR, riunitosi oggi sotto la Presidenza di John Elkann, ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione relativo ai risultati consolidati dei primi tre mesi del 2016 predisposto al fine di assicurare continuità e regolarità di informazione al mercato, in attesa di chiarimenti sul quadro normativo delineato dal D.lgs. 25 del 15 febbraio 2016.

 

Al 31 marzo 2016 il Net Asset Value (NAV) è pari a $12.389 milioni ed evidenzia un decremento di $966 milioni (-7,2%) rispetto al dato di $13.355 milioni al 31 dicembre 2015. 

 

Il NAV per azione è pari a $51,41; di seguito se ne evidenzia l’evoluzione rispetto all’indice MSCI World Index in dollari.

 

(...)

 

Il Gruppo EXOR ha chiuso il primo trimestre 2016 con un utile consolidato di € 201,1 milioni; il primo trimestre 2015 si era chiuso con un utile consolidato di € 40,6 milioni. La variazione positiva di € 160,5 milioni deriva sostanzialmente dall’incremento della quota nel risultato delle partecipate per € 157,9 milioni (di cui € 47,1 milioni derivanti dal primo consolidamento di PartnerRe), dai dividendi incassati da PartnerRe prima dell’acquisizione per € 16,1 milioni, dalle plusvalenze sulle cessioni di partecipazioni per  € 25 milioni, parzialmente compensata dall’aumento degli oneri finanziari netti sull’indebitamento per € 14,7 milioni e degli oneri non ricorrenti connessi all’acquisizione di PartnerRe per € 33,5 milioni.
Al 31 marzo 2016 il patrimonio netto consolidato attribuibile ai soci della Controllante ammonta a € 9.744,6 milioni ed evidenzia una variazioni in diminuzione di € 393,8 milioni rispetto al dato di fine 2015, pari a € 10.138,4 milioni.
Tale decremento deriva dalla quota delle differenze cambio da conversione (-€ 466,6 milioni), dalle variazioni  nette di fair value (-€ 49,4 milioni) e da altre variazioni nette (-€ 78,9 milioni) parzialmente compensato dall’utile consolidato del trimestre (+€ 201,1 milioni).
Al 31 marzo 2016 il saldo della posizione finanziaria netta consolidata del Sistema Holdings è negativo per € 4.218,2 milioni ed evidenzia una variazione negativa di € 5.555 milioni rispetto al saldo positivo di € 1.336,8 milioni di fine 2015, principalmente per l’esborso sostenuto per l’acquisizione di PartnerRe per € 5.415,5 milioni.

 

Investimento in Welltec
Il 10 febbraio 2016 EXOR, con un esborso di € 103,3 milioni, ha acquisito da 7-Industries Lux S.à.r.l (società indirettamente controllata da Ruth Wertheimer, Amministratore di EXOR) il 14,01% di Welltec, leader globale nel campo delle tecnologie robotiche per l’industria petrolifera. Trattandosi di operazione con parte correlata, l’approvazione è stata preventivamente sottoposta al Comitato Parti Correlate che ha fornito il relativo motivato parere favorevole.
Al termine dell’acquisizione, EXOR e il Gruppo 7-Industries Lux detengono ciascuna il 14,01% del capitale emesso di Welltec come azionisti di lungo termine.
 

Cessione di Banijay Holding a Zodiak Media
Il 23 febbraio 2016 EXOR S.A. ha perfezionato la cessione dell’intera partecipazione detenuta in Banijay (17,1% del capitale) nell’ambito della fusione della stessa con Zodiak Media, società di produzione televisiva controllata dal gruppo De Agostini, realizzando un incasso di € 60,1 milioni e una plusvalenza netta di € 24,8 milioni.
 

Completamento della separazione delle azioni RCS da FCA
Nel contesto della fusione ITEDI-Gruppo Editoriale l’Espresso, ed a seguito delle operazioni annunciate da FCA, il  1° maggio 2016 è divenuta efficace la scissione di RCS a favore degli Azionisti di FCA; EXOR ha quindi ricevuto 25.459.208 azioni RCS, pari ad un rapporto di cambio di 0,067746 per ogni azione FCA posseduta.
E’ in corso la dismissione di  tale partecipazione in linea con le prassi di mercato per operazioni similari, nei tempi e modi opportuni e secondo le norme vigenti, e comunque entro il primo trimestre del 2017, momento in cui è prevista la fusione di ITEDI con il Gruppo Editoriale l’Espresso.

 

Closing dell’operazione di acquisizione di PartnerRe
Il 18 marzo 2016 è stata perfezionata l’acquisizione di PartnerRe dopo aver ricevuto tutte le autorizzazioni richieste; l’esborso finanziario complessivo sostenuto da EXOR al momento del closing è stato pari a $6.108  milioni (€ 5.415 milioni) di cui $6.065 milioni (€ 5.377 milioni) a favore degli azionisti ordinari e $43 milioni (€ 38 milioni) a favore degli azionisti privilegiati, in qualità di valore economico immediato sostitutivo del dividendo maggiorato. A partire dalla medesima data EXOR è divenuta indirettamente, tramite EXOR N.V., titolare del 100% del capitale ordinario di PartnerRe. Contestualmente le azioni ordinarie sono state ritirate dalla quotazione presso il New York Stock Exchange (NYSE). L’operazione non ha comportato l’acquisizione delle azioni privilegiate emesse da PartnerRe che continuano ad essere negoziate al NYSE. Il 24 marzo 2016 il Consiglio di Amministrazione di PartnerRe ha annunciato la nomina di John Elkann quale chairman del Consiglio di Amministrazione e di Emmanuel Clarke quale president e chief executive officer. Alla data odierna il Consiglio di Amministrazione di PartnerRe risulta composto, oltre che dal chairman e dal chief executive officer, da Enrico Vellano, Brian Dowd e Patrick Thiele.
 

Incremento del prestito obbligazionario EXOR con scadenza dicembre 2025
Il 10 maggio 2016 EXOR ha incrementato di € 200 milioni il prestito obbligazionario di € 250  milioni emesso in data 22 dicembre 2015 con scadenza dicembre 2025. Al pari delle obbligazioni precedentemente emesse, le nuove obbligazioni avranno cedola annua fissa del 2,875% e scadenza dicembre 2025.
Le nuove obbligazioni, destinate a investitori qualificati tramite collocamento privato, offrono un rendimento del 2,51%, e saranno quotate sul mercato regolamentato della Borsa del Lussemburgo (Luxembourg Stock Exchange).
 

Tutte le società partecipate quotate hanno già pubblicato i rispettivi dati contabili relativi al primo trimestre del 2016. Nel resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2016 di EXOR, che sarà disponibile presso la Sede Sociale e sul sito www.exor.com, sono peraltro evidenziati i commenti sull’andamento di tutte le società controllate rilevanti.

 

EXOR S.p.A. prevede per l’esercizio 2016 un risultato positivo.

 

A livello consolidato l’esercizio 2016 dovrebbe evidenziare risultati economici positivi che, peraltro, dipenderanno in larga misura dall’andamento delle principali società partecipate.

 

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Enrico Vellano dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

 

Il resoconto intermedio di gestione non è oggetto di revisione contabile.

 

(...)

torna ai comunicati Scarica documento