Comunicati stampa

EXOR perfeziona l’incremento del prestito obbligazionario con scadenza Ottobre 202423 dicembre 2014

 

EXOR conferma che l’incremento di Euro 150 milioni del prestito obbligazionario con cedola fissa annua del 2,50% e scadenza ottobre 2024 (la “Nuova Emissione”), annunciato in data 5 Dicembre 2014, è stato perfezionato in data odierna.

Alla Nuova Emissione, quotata sul mercato regolamentato della Borsa del Lussemburgo (Luxembourg Stock Exchange), è stato attribuito un rating BBB+ da parte di Standard & Poor’s.

L’ammontare complessivo dell’emissione con cedola fissa 2,50% e scadenza ottobre 2024, diverrà dunque pari a Euro 650 milioni.

 
Questo comunicato non costituisce un’offerta al pubblico di vendita o di sottoscrizione di obbligazioni in qualsiasi giurisdizione, inclusa l’Italia, in cui tale offerta non sia consentita in assenza di specifiche autorizzazioni ai sensi delle disposizioni di legge applicabili. Nessuna azione è stata né sarà intrapresa al fine di permettere un’offerta pubblica delle obbligazioni in qualsiasi giurisdizione, inclusa l’Italia.
Le obbligazioni non sono state né saranno offerte o vendute negli Stati Uniti o per conto o beneficio di persone residenti negli Stati Uniti (“U.S. persons”, così come definite nella Regulation S dello U.S. Securities Act del 1933, come successivamente modificato (il "Securities Act")) a meno che siano registrate ai sensi del Securities Act o siano esentate da tale registrazione. Tali obbligazioni non sono state, né saranno registrate ai sensi del Securities Act, né ai sensi di altra normativa. Nessuna autorizzazione è stata richiesta alla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (CONSOB), come previsto dalla normativa applicabile in materia di offerta al pubblico di obbligazioni. Di conseguenza, le obbligazioni non sono state, né saranno offerte, vendute o collocate in Italia nell’ambito di un’offerta al pubblico.

 

Da non distribuire negli Stati Uniti d’America e nelle altre giurisdizioni in cui la distribuzione del presente comunicato non sia consentita ai sensi della legge applicabile

torna ai comunicati Scarica documento