Comunicati stampa

Il CDA di EXOR approva i risultati dell’esercizio 201309 aprile 2014

 (...)

 

Il Consiglio di Amministrazione di EXOR, riunitosi oggi a Torino sotto la Presidenza di John Elkann, ha approvato il bilancio consolidato ed il progetto del bilancio separato al 31 dicembre 2013 che sarà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea degli Azionisti, fissata per il giorno 22 maggio 2014.
 
NAV 
Al 31 dicembre 2013 il Net Asset Value (NAV) era pari a € 8.852 milioni ed evidenzia un incremento di € 1.232 milioni rispetto al dato di € 7.620 milioni al 31 dicembre 2012. Di seguito è evidenziata l’evoluzione del NAV rispetto all’indice MSCI World Index in Euro.
 
(...)
 
Sintesi dei risultati 
Il Gruppo EXOR ha chiuso l'esercizio 2013 con un utile consolidato di € 2.084,5 milioni; l'esercizio 2012 si era chiuso con un utile consolidato di € 298,3 milioni. La variazione positiva pari a € 1.786,2 milioni deriva principalmente dall’incremento delle plusvalenze nette realizzate nel 2013 per € 1.520,4 milioni (di cui € 1.534 milioni relativi alla cessione dell’intera partecipazione SGS), dall’incremento della quota nel risultato delle partecipate per € 264,1 milioni, dalla riduzione degli oneri finanziari netti per € 12 milioni, parzialmente compensati da minori dividendi da partecipazioni (-€ 10,3 milioni). 
Al 31 dicembre 2013 il patrimonio netto consolidato attribuibile ai soci della Controllante ammonta a € 6.947,4 milioni ed evidenzia un incremento netto di € 778,6 milioni rispetto al dato di fine 2012, pari a € 6.168,8 milioni. L’incremento deriva dall’utile consolidato attribuibile ai Soci della Controllante (+€ 2.084,5 milioni), dall’allineamento al fair value di alcune partecipazioni e altre attività finanziarie (+€ 169,6 milioni), dalla quota delle differenze cambio da conversione e da altre variazioni nette (+€ 275,1 milioni) e dalla valorizzazione di altri strumenti finanziari derivati (+€ 26,6 milioni), parzialmente compensati dai dividendi distribuiti da EXOR S.p.A. (-€ 78,5 milioni), dal trasferimento di fair value a conto economico (-€ 1.593,6 milioni) e dagli acquisti di azioni proprie (-€ 105,1 milioni).
 
Al 31 dicembre 2013 il saldo della posizione finanziaria netta consolidata del Sistema Holdings è positivo per € 1.281,2 milioni ed evidenzia una variazione positiva di € 1.807,1 milioni rispetto al saldo negativo di € 525,9 milioni registrato a fine 2012, dovuta principalmente alla cessione dell’intera partecipazione in SGS per un controvalore netto di € 2.003,7 milioni.
 
La variazione positiva riflette principalmente i dividendi incassati dalle partecipate (€ 146,3 milioni), i rimborsi di riserve da partecipate (€ 4,6 milioni), le cessioni e i rimborsi di capitale (€ 2.070,7 milioni), che sono stati parzialmente compensati dagli acquisti di azioni proprie (-€105,1 milioni), dagli investimenti effettuati nel corso dell’esercizio (-€ 182,8 milioni), dai dividendi distribuiti da EXOR S.p.A. (-€ 78,5 milioni) e da altre variazioni nette (-€ 48,1 milioni).

 

A livello di bilancio separato EXOR S.p.A. ha chiuso l’esercizio 2013 con un utile di € 92,7 milioni (€ 150,5 milioni nel 2012). La variazione negativa deriva principalmente da minori plusvalenze (€ 53,7 milioni), da maggiori spese generali ricorrenti e non ricorrenti (€6 milioni), da maggiori oneri finanziari netti (€ 11,8 milioni) e da un maggiore carico fiscale (€ 6,3 milioni), al netto di maggiori dividendi incassati da partecipate (€ 20 milioni).
 
Dividendo
Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all’Assemblea Ordinaria degli Azionisti la distribuzione di un dividendo di € 0,3350 a ciascuna azione, per un totale di massimi € 74,5 milioni. I dividendi proposti saranno posti in pagamento il 26 Giugno 2014 (stacco cedola in Borsa il 23 Giugno) e saranno corrisposti alle azioni in conto alla data del 25 Giugno 2014 (record date). I dividendi saranno versati alle azioni che saranno in circolazione, escluse quindi le azioni direttamente detenute da EXOR S.p.A.
 
Andamento Società
Tenuto conto che tutte le società partecipate quotate hanno già pubblicato i rispettivi dati contabili relativi all’esercizio 2013, si indica di seguito un commento sintetico sull’andamento di C&W Group, principale investimento non quotato di EXOR. Nella relazione finanziaria 2013 di EXOR, che sarà disponibile sul sito www.exor.com nei termini di legge, sono peraltro evidenziati i commenti sull’andamento di tutte le società controllate e collegate rilevanti.
 
C&W Group
 
Nel contesto favorevole di un mercato in forte crescita, C&W ha fatto registrare nel 2013 un significativo aumento dei ricavi netti in tutte le aree geografiche e in quasi tutte le linee di servizi, tra cui le attività di Capital Markets, Valuation & Advisory, Corporate Occupier & Investor Services e Global Consulting. Tutto ciò grazie agli investimenti effettuati nelle sue attività di rilevanza strategica in tutti i principali mercati del mondo.
 
L’aumento dei ricavi netti riflette la crescita dell’attività di Corporate Occupier & Investor Services (“CIS”), che ha raggiunto, per la prima volta, un totale di oltre un miliardo di square feet di immobili in gestione nel mondo. Con l’acquisto della Project Solution Group di Singapore, avvenuto il 1° luglio, C&W è diventato leader nell’attività di project management dell’area asiatica del Pacifico. Inoltre, sempre nell’ambito delle attività CIS, nel 2013 sono stati acquisiti diversi incarichi da parte di importanti organizzazioni internazionali, come Citigroup, DLF, British Airways e Port Authority of New York & New Jersey.
La performance positiva registrata nell’attività di Valuation & Advisory riflette principalmente il record mondiale di valutazioni immobiliari effettuate, per un valore di oltre $1.000 miliardi per il secondo anno consecutivo. Inoltre, sia l’attività di Capital Markets che quella di Leasing, hanno conseguito un record di transazioni eseguite a livello mondiale, tra cui diversi incarichi di alto profilo.
 
Il Gruppo ha registrato un aumento dei ricavi lordi a doppia cifra del 21,9% (+22,8% se si esclude l’effetto cambio), attestandosi a $2.498,6 milioni, rispetto al dato corrispondente del precedente anno, che era pari a $2.050,1 milioni, mentre i ricavi netti sono aumentati del 13,2% (+14,3% se si esclude l’effetto cambio), attestandosi a $1.808,5 milioni, rispetto al 2012, in cui erano pari a $1.597,0 milioni.
 
Nel 2013 le spese operative sono aumentate di $110,3 milioni (+12,7%), attestandosi a $979,4 milioni, rispetto al 2012 in cui ammontavano a $869,1 milioni. L’incremento deriva principalmente dall’aumento dei costi del personale e di altri costi diretti, legati all’aumento dei ricavi e ai progetti di sviluppo previsti dal piano strategico.
Le spese operative del 2013 comprendono anche oneri relativi ad acquisizioni ed oneri non ricorrenti legati a costi di riorganizzazione per un valore di circa $4,6 milioni, valore non incluso nel calcolo dell’EBITDA rettificato.
 
Il risultato operativo di C&W è aumentato nel 2013 di $10,0 milioni, o del 12,6%, attestandosi a $89,1 milioni, rispetto al 2012 ($79,1 milioni). L’EBITDA rettificato (che esclude l’effetto degli oneri relativi alle acquisizioni, pari a $2,0 milioni, e degli oneri non ricorrenti relativi a riorganizzazioni, pari a $ 9,0 milioni) ammonta a $130,1 milioni, registrando così un incremento di $2,4 milioni rispetto all’EBITDA del precedente anno, che era pari a $127,7 milioni e non era stato influenzato da tali oneri. L’EBITDA ammonta a $119,1 milioni, registrando un decremento rispetto al 2012.
 
L’utile netto rettificato attribuibile ai Soci della Controllante, che esclude gli oneri relativi ad acquisizioni e gli oneri non ricorrenti relativi alla riorganizzazione, al netto dell’effetto fiscale, è migliorato di $8,0 milioni (+30,8%), attestandosi a $34,0 milioni, rispetto al risultato di $26,0 milioni, registrato nel 2012. L’utile netto attribuibile ai Soci della Controllante è diminuito, attestandosi a $28,7 milioni, dai $43,2 milioni del precedente anno.
 
La posizione finanziaria netta del Gruppo è migliorata di $91,3 milioni, passando da un saldo negativo di $87,4 milioni, registrato al 31 dicembre 2012, ad un saldo positivo di $3,9 milioni.
 
Principali fatti di rilievo
 
Conversione obbligatoria delle azioni privilegiate e di risparmio
 
Il Consiglio di Amministrazione di EXOR S.p.A. dell’11 febbraio 2013, ha proposto agli azionisti la conversione delle azioni privilegiate e di risparmio della Società in azioni ordinarie.
La conversione ha avuto lo scopo di semplificare la struttura del capitale e la governance della Società, creando condizioni di maggiore chiarezza ed eliminando categorie di titoli con volumi di negoziazione molto limitati, sostituendoli con azioni ordinarie, che, grazie all’operazione, potranno beneficiare di una maggiore liquidità con vantaggi per tutti gli azionisti.
Le proposte sono state approvate dalle assemblee speciali degli azionisti privilegiati e di risparmio e dall’assemblea generale degli azionisti (in sede straordinaria) rispettivamente il 19 e 20 marzo 2013.
Le conversioni sono state eseguite il 24 giugno 2013, successivamente alla data di stacco del dividendo 2012. A partire dalla stessa data, il capitale sociale di EXOR S.p.A. è composto da 246.229.850 azioni ordinarie del valore nominale di € 1 ciascuna per complessivi € 246.229.850.
 
Acquisti di azioni proprie
 
A valere sul Programma di acquisto di azioni proprie deliberato dal Consiglio di Amministrazione del 29 maggio 2012 e successivamente modificato dal Consiglio di Amministrazione dell’11 febbraio 2013 che ha aumentato l’esborso massimo autorizzato dal programma da € 50 milioni a € 200 milioni, EXOR ha acquistato nel primo semestre 2013 n. 3.790.857 azioni ordinarie (2,36% della categoria) al costo medio unitario di € 21,96 e totale di € 83,3 milioni, n. 823.400 azioni privilegiate (1,07% della categoria) al costo medio unitario di € 21,66 e totale di € 17,8 milioni, nonché n. 184.100 azioni di risparmio (2,01% della categoria) al costo medio unitario di € 21,83 e totale di € 4 milioni. L’investimento complessivo è stato pari a € 105,1 milioni.
Al 31 dicembre 2013, dopo la conversione obbligatoria delle azioni privilegiate e di risparmio in azioni ordinarie, eseguita in data 24 giugno 2013, EXOR S.p.A. deteneva 23.883.746 azioni proprie ordinarie (9,7% della categoria) al costo medio unitario di € 14,41 pari a un controvalore complessivo di € 344,1 milioni.
 

Investimento in Almacantar

 

Il 4 aprile 2013 e il 2 maggio 2013 EXOR S.A. ha versato ad Almacantar rispettivamente £8 milioni (€ 9,4 milioni) e £4 milioni (€ 4,7 milioni) a valere sul debito residuo relativo all’aumento di capitale di Almacantar S.A. integralmente sottoscritto nel 2011 ma non ancora totalmente versato.
Il 5 luglio 2013 EXOR S.A. ha versato ad Almacantar £19,2 milioni (€ 22,3 milioni), a saldo del debito residuo.
Al fine di garantire ulteriori risorse finanziarie finalizzate a nuovi investimenti, l’11 luglio 2013, EXOR S.A. ha sottoscritto un nuovo aumento di capitale sociale per un controvalore complessivo di £50 milioni (€ 57,9 milioni). A seguito di tale operazione EXOR S.A. detiene circa il 38,29% del capitale sociale di Almacantar S.A.
 
Cessione della partecipazione in SGS S.A.
 
Il 10 giugno 2013, EXOR S.A. ha perfezionato l’accordo siglato il 2 giugno 2013 relativo alla cessione dell’intera partecipazione detenuta in SGS S.A. (pari al 15% del capitale) a Serena S.à.r.l., società interamente partecipata dal Groupe Bruxelles Lambert (GBL) al prezzo unitario di CHF 2.128, per un controvalore complessivo di oltre € 2 miliardi.
La cessione rientra nella strategia di continua valutazione e ottimizzazione del portafoglio e il ricavato sarà utilizzato per cogliere nuove opportunità, in coerenza con la strategia di investimento elaborata da EXOR.
La transazione ha determinato per EXOR una plusvalenza netta a livello consolidato di € 1.534 milioni.
 
Fusione di Fiat Industrial e CNH Global
 
Nel contesto del closing dell’operazione, CNH Industrial ha emesso 1.348.867.772 azioni ordinarie che sono state assegnate agli azionisti di Fiat Industrial e di CNH Global sulla base del rispettivo rapporto di cambio. In particolare, agli azionisti di Fiat Industrial è stata assegnata una azione ordinaria CNH Industrial in cambio di ogni azione ordinaria Fiat Industrial dagli stessi posseduta e agli azionisti di CNH Global sono state assegnate 3,828 azioni ordinarie CNH Industrial in cambio di ogni azione ordinaria CNH Global dagli stessi posseduta.
Inoltre, sempre in tale contesto, CNH Industrial ha emesso 474.474.276 azioni a voto speciale (non ammesse alla negoziazione) che sono state assegnate a quegli azionisti di Fiat Industrial e di CNH Global che, avendone debitamente fatto richiesta, ne risultavano legittimati.
Il 30 settembre 2013 sono iniziate le negoziazioni delle azioni ordinarie di CNH Industrial N.V. sul New York Stock Exchange e presso il Mercato Telematico Azionario gestito da Borsa Italiana S.p.A.
 
Emissione Prestito Obbligazionario EXOR 2013-2020 e cancellazione di parte del Prestito Obbligazionario EXOR 2007-2017
 
Alle obbligazioni, ammesse alla quotazione presso il Mercato Regolamentato della Borsa Lussemburghese, è stato attribuito un rating pari a “BBB+” da parte di Standard & Poor’s. I titoli hanno un prezzo di emissione pari a 99,053%, e una cedola fissa annua pari a 3,375%. L’emissione ha lo scopo di dotare EXOR di nuove disponibilità finanziarie anche nell’ambito della strategia societaria di allungamento della scadenza del proprio debito.
L’ammontare nozionale emesso, che era pari ad € 750 milioni, risulta ora, a seguito della cancellazione, pari a € 690 milioni.
 
Procedimento penale relativo al contenuto dei comunicati stampa emessi da IFIL e da Giovanni Agnelli e C. il 24 agosto 2005
 
La Corte d’Appello, con sentenza pronunciata in data 21 febbraio 2013, ha assolto definitivamente, perché il fatto non sussiste, le società EXOR S.p.A. e Giovanni Agnelli e C.
Il 17 dicembre 2013 la Cassazione ha annullato senza rinvio, per intervenuta prescrizione del reato, la sentenza della Corte d’Appello di Torino del 21 febbraio 2013 nei confronti di Gianluigi Gabetti e Franzo Grande Stevens.
 
Il Consiglio di Amministrazione è stato informato che Shahriar Tadjbakhsh, Chief Operating Officer di EXOR, lascerà il suo incarico, mantenendo le attuali funzioni fino all’inizio del mese di luglio. Il Consiglio di Amministrazione ha ringraziato Shahriar Tadjbakhsh per il contributo prestato allo sviluppo di EXOR e gli augura pieno successo per il suo futuro professionale.
 
Corporate Governance
Il Consiglio di Amministrazione ha approvato la “Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari”, che sarà pubblicata, contestualmente alla relazione finanziaria 2013, sul sito www.exor.com nei termini di legge.
 
Delibera azioni proprie
Il Consiglio ha deliberato di proporre all’Assemblea degli Azionisti il rinnovo dell’autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Tale autorizzazione consentirebbe di acquistare sul mercato, per 18 mesi dalla delibera assembleare, azioni per un numero massimo tale da non eccedere il limite di legge, per un esborso massimo di € 450 milioni, ad un prezzo non inferiore e non superiore del 10% rispetto al prezzo di riferimento registrato dal titolo nella seduta di Borsa del giorno precedente ogni singola operazione. La richiesta di autorizzazione all’acquisto di azioni proprie si rende opportuna, tra l’altro, per perseguire l’efficiente gestione del capitale ed in un’ottica di investimento, per adempiere alle obbligazioni derivanti da strumenti di debito convertibili o scambiabili con strumenti azionari, nonché per realizzare piani di compensi basati su strumenti finanziari e per effettuare eventuali scambi azionari.
 
Emissione di obbligazioni
Il Consiglio di Amministrazione, nell’ambito della strategia già intrapresa di allungamento del proprio debito e al fine di dotare EXOR di nuove disponibilità finanziarie per il perseguimento delle proprie attività, ha inoltre deliberato la possibilità di emettere entro il 31 marzo 2015 uno o più prestiti obbligazionari, per un importo complessivo non superiore a € 1 miliardo, o equivalente in altra divisa, da collocare presso investitori istituzionali in forma pubblica, o direttamente in forma di piazzamenti privati. A seguito della decisione, che garantisce flessibilità a EXOR, la società valuterà di volta in volta le opportunità offerte dal mercato determinando scadenze e ammontari delle eventuali emissioni. Il verbale delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione aventi ad oggetto l’emissione di obbligazioni sarà messo a disposizione del pubblico presso la sede sociale e la Borsa Italiana e sarà altresì consultabile sul sito www.exor.com, nei termini di legge.
 
Evoluzione della gestione
EXOR S.p.A. prevede per l’esercizio 2014 un risultato positivo.
A livello consolidato l’esercizio 2014 dovrebbe evidenziare risultati economici positivi che, peraltro, dipenderanno in larga misura dall’andamento delle principali società partecipate.
 
Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Enrico Vellano dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.
 
(...)
 
 
 
 

 

torna ai comunicati Scarica documento